L’Università festeggia i suoi laureati

luglio 8th, 2012 | by Francesco Iacona
L’Università festeggia i suoi laureati
Università

di Francesco Iacona

Nella serata di sabato 7 luglio, nel Cortile Teresiano dell’Università di Pavia, ha avuto luogo la ventiduesima Giornata del laureato, ovvero la cerimonia in cui i laureati con lode dell’ultimo anno accademico hanno ricevuto la pergamena di laurea alla presenza Rettore, del pro rettore alla didattica e dei presidi di facoltà. Tra il pubblico, inoltre, erano presenti i parenti degli studenti premiati e gli altri laureati, comunque invitati a partecipare ed espressamente salutati dal Rettore.

La funzione è cominciata alle 19:00 con l’ingresso del corteo accademico che ha attraversato il cortile in mezzo al pubblico per poi raggiungere il palco sul quale da lì a poco saranno avvenute le premiazioni.

Ad aprire le danze è stato il Rettore Angiolino Stella che ha presentato l’evento e ha reso omaggio al merito degli studenti laureatisi nell’Università di Pavia, ringraziandoli per l’impegno con cui hanno lavorato; il loro compito, dice, è quello di «testimoniare il significato e il valore di una laurea conseguita in un ateneo storico». Egli ha anche celebrato i pregi della nostra università, sottolineando non solo la presenza ma anche l’aumento di corsi in lingua inglese, ma ha anche parlato del momento difficile che – ormai da alcuni anni – il mondo accademico sta attraversando a causa della crisi e dei tagli da parte del governo.

Stella, infine, senza nascondere l’emozione, ha presentato l’ospite d’onore invitato a questa importante celebrazione, ovvero Andrea Cavalleri. Egli è un ex studente dell’Università degli Studi di Pavia (laureatosi nel 1994 in Ingegneria elettronica) che attualmente ricopre il ruolo di direttore del Max Planck Research Department for Structural Dynamics di Amburgo; è inoltre docente all’università della stessa città tedesca e gestisce un gruppo di ricerca all’Università di Oxford (Inghilterra), della quale in passato è anche stato docente di fisica.

Chiaramente, gli illustri ospiti di questi eventi non possono che essere ex studenti che hanno eccelso nel loro campo. Persone estremamente meritevoli da prendere come esempio. Ma certamente non è facile per tutti raggiungere gli stessi risultati. Ed è anche di questo che Cavalleri ha parlato nel suo discorso; egli ha riconosciuto che le difficoltà e gli ostacoli sono sempre molti, ma nonostante tutto ce la si può fare. E raccontando la sua esperienza ha invitato gli studenti presenti a perseverare e inseguire le proprie passioni e i propri interessi cercando di non perdere mai di vista il proprio obiettivo.

La cerimonia, poi, è proseguita con la premiazione sul palco degli studenti laureati con 110 e lode dell’anno accademico 2010/2011, i quali hanno ricevuto la pergamena direttamente dal Presidente della propria facoltà. Sono stati chiamati per primi i laureati delle quattro facoltà più “antiche” dell’Ateneo (Giurisprudenza, Lettere e Folosofia, Medicina e Scienze Matematiche Fisiche e Naturali), poi quelli delle cinque facoltà “moderne” (Scienze politiche, Farmacia, Economia, Ingegneria e Musicologia) e infine quelli dei più recenti corsi in interfacoltà (Biotecnologie, Educazione motoria, Comunicazione e altri).

In seguito, sono stati assegnati i premi ai migliori laureati di ciascuna facoltà (Andrea Falaschetti per Giurisprudenza, Laura Curone per Economia, Roberta Marranca per Scienze Politiche, Paola Imbriani per Medicina, Laura Angella per Lettere, chiara Salami per Ingegneria, Paola Togninalli per Farmacia, Dario Cesare Severo Mazzoleni per Scienze MM. FF. NN. e Michele Epifani per Musicologia) e quelli in ricordo di docenti e alunni scomparsi.

La serata si è conclusa con un ricco buffet nei cortili dell’università ai quali sono stati invitati a partecipare tutti i presenti.

 

Infine, una piccola nota legata alla nostra testata giornalistica.

Alla premiazione, in quanto laureatesi con 110 e lode, hanno partecipato tre attuali redattrici di Inchiostro: Camilla Pitino, Dimitra Giannoulidis (entrambe di Filosofia) e Federica Mordini (Comunicazione), oltre che l’ex direttrice Valentina Falleri.

Complimenti!

 

[Le foto sono state scattate dall’autore dell’articolo]