La baia nella tempesta

agosto 12th, 2008 | by Zio Rufus
La baia nella tempesta
Attualità

Pirate Bay

“Fascist state censors Pirate Bay”, ovvero “Uno stato fascista censura Pirate Bay”.

Con questa frase il noto sito svedese The Pirate Bay, uno dei maggiori portali di hacking al mondo, tra i 100 siti più visitati in assoluto, inzia un messaggio dedicato a tutti gli utenti italiani. Da qualche giorno, infatti, la Guardia di Finanza ha diramato una segnalazione di blocco del sito che molti provider hanno subito assecondato. Se si prova a visitare il sito di The Pirate Bay, infatti, si arriverà a una pagina di errore.

Ma in informatica c’è sempre un “ma”, perché noi non siamo bravi come i cinesi nell’ars censurandi. Il blocco, in realtà, è stato fatto a livello di DNS, e non di linea, per cui il sito è fisicamente accessibile, ma il nome “thepiratebay.org” non porta più a nulla. Un po’ come se per nascondere al mondo l’esistenza di una casa, si dice alle poste di non recapitare più lettere all’indirizzo di quella casa. La casa continuerebbe a esistere.

Ecco quindi che la soluzione è cambiare colui che porta le lettere. In questo caso bisogna disinibire il provider nella risoluzione del DNS. Spiego brevemente di cosa si tratta.

Ogni computer sul pianeta è identificato (più o meno univocamente, ma per semplicità per noi sarà così) da un indirizzo, detto indirizzo IP, un insieme di numeri apparentemente incomprensibili e in ogni caso difficili da ricordare. Ad esempio questo sito si trova su una macchina che ha indirizzo IP 62.149.198.81. Siccome sarebbe troppo scomodo utilizzare questi numeretti ogni volta, sono stati inventati dei nomi più semplici da ricordare, come ad esempio www.ziorufus.it. Il DNS si occupa di associare al nome il suo magico indirizzo IP.

Ora, quello che hanno fatto i vari provider per assecondare la Guardia di Finanza è stato di cancellare il nome thepiratebay.org dai propri database, per cui quando si “chiede” quella pagina si ottiene una risposta di tipo “non trovato”.

Tuttavia, per fortuna nessuno ci obbliga ad usare i DNS del nostro provider, anche se siamo collegati con Libero, con Alice o con qualsiasi altro. Esiste un metodo piuttosto semplice per utilizzare DNS di terze parti. Tra questi, consiglio vivamente OpenDNS, un servizio efficientissimo e ormai consolidato che andrà a sostituire senza alcun problema il DNS “domato” del vostro provider. Attraverso OpenDNS il sito internet oggetto di questo messaggio è tranquillamente accessibile, così come lo sono tutti quei siti della lista nera diramata dalla Guardia di Finanza qualche mese fa, tra cui prevalentemente portali di gioco d’azzardo online. Giocare d’azzardo in Italia è legale solo se lo fa lo stato…

Per modificare i propri DNS e utilizzare quelli di OpenDNS basta seguire le guide proposte in questa pagina.