Raptors volano alti, Cavs non convincono

marzo 9th, 2018 | by Peter Amighetti
Raptors volano alti, Cavs non convincono
Sport

Ci siamo quasi: mancano poco più di 10 partite a ogni squadra per chiudere la regular season. Dopodiché saranno le prime 8 di ciascuna conference a darsi battaglia ai playoff per l’ambitissimo Larry O’Brien Trophey. Ma proseguiamo con ordine e analizziamo la settimana di alcune tra le squadre di punta dell’Nba:

Gli ultimi 7 giorni dei Cavs non sono stati dei migliori, causa le 2 sconfitte sulle 4 partite giocate. La prima L arriva contro Philadelphia e le colpe non sono neanche da attribuire tutte ai Cavaliers. Philly, infatti, gioca una partita sontuosa, gioca di squadra, fa gruppo e manda ben 6 giocatori in doppia cifra. Il fantasma della difesa svogliata dei Cavs ritorna e a questo si aggiunge un gioco lento e macchinoso. Non bastano i 30 punti del Re. Anche contro i Nuggets la difesa è una delle principali cause della sconfitta, oltre alla serata spettacolare di Jokic che infila 32 punti in scioltezza. Cleveland prova a restare attaccata reggendosi solo sull’attacco, in particolare sulle spalle di LeBron che mette a referto una bellissima tripla doppia, ma non basta. Contro Detroit sono dei nuovi Cavaliers: la difesa è attiva e grintosa, l’attacco deciso e disinvolto. A dare man forte a LeBron troviamo un Nance Jr che coglie al volo l’opportunità di partire in quintetto e chiude a quota 22 punti. Anche nella partita successiva, contro Denver, Nance Jr in campo dà molto di più dei 13 punti a referto, ma il vero show è quello di LeBron. Tira avanti Cleveland per tutto il match fino a risolverlo con gli ultimi 9 punti consecutivi che mettono la parola fine alla gara. Cleveland non ancora al meglio.

La settimana di Portland è da Oscar. La prima vittoria arriva contro Minnesota ed è già la quinta consecutiva per i TrailBlazers. Dopo qualche momento di fatica nel primo quarto la partita inizia a farsi interessante. Fino al terzo quarto in cui Lillard e compagni decidono di lasciare tutti indietro e portarsi a casa la vittoria. Non si fermano neanche davanti ai Thunder e ai 30 punti di Westbrook. Un CJ McCollum infuocato (28 punti) è il combustibile che alimenta la macchina di Portland e che li guida alla vittoria. La partita contro i Lakers sembra quasi solo burocrazia da svolgere: i Blazers vanno spediti, giocano a memoria e bucano la difesa di Ingram e compagni come fosse aria. Tanto che il Coach di Portland non si alza neanche a impartire schemi. È il solito Lillard versione fenomeno (37 punti) a decretare la vittoria contro i Knicks già da metà partita. New York prova a restare attaccata grazie alla second unit, ma non basta. Portland ha il potenziale per fare strada anche nei playoff.

Anche Toronto chiude una settimana pregevole: 4 vittorie su altrettante partite giocate e stacca il pass per i playoff assicurati. Contro i Wizards non c’è storia. I Raptors giocano alla perfezione, di squadra, senza protagonismi e la second unit è fondamentale (50 i punti della panchina di Toronto contro i 15 di quella di Washington). I Wizards sicuramente pagano le 15 palle perse che vengono convertite in 27 punti per i Raptors. La vittoria contro Charlotte permette a Toronto di cementare il primo posto ad Est. La partita resta in bilico fino alla fine, quando Lowry e DeRozan prendono in mano la squadra e piazzano il +10 della W. Contro gli Hawks è proprio DeRozan a trascinare sin dal primo quarto i Raptors che diligentemente lo seguono. Molto importante, come sempre la second unit, per assicurarsi la vittoria. Contro Detroit la partita è tiratissima: nella prima metà Toronto non gioca benissimo come fa di solito, deve pensarci DeRozan a tenere in carreggiata i compagni. Dal riposo lungo i Raptors di riprendono e schiacciano sull’acceleratore recuperando lo svantaggio. Al supplementare ci penserà poi VanVleet con un jumper dall’angolo allo scadere a chiudere il match al fulmicotone. Vittoria, per i Raptors, n°13 nelle ultime 14 partite disputate. Questi Raptors sono da titolo? Non la vedo una possibilità così remota, anzi.

 

Restate sintonizzati su Inchiostro per gli aggiornamenti settimanali dalla lega cestistica più famosa al mondo: l’Nba!