Hollywood: Come nasce una leggenda

marzo 7th, 2018 | by Luca Ieranò
Hollywood: Come nasce una leggenda
Birdmen

Dopo essere stato sul palco del Teatro Parenti dal 13 al 18 Febbraio, lo scorso 3 Marzo al Teatro Besostri di Mede è andato in scena Hollywood: come nasce una leggenda, brillante commedia scritta da Ron Hutchinson che, dopo aver conquistato milioni di spettatori nelle rappresentazioni negli Stati Uniti e nel resto dell’Europa, arriva per la prima volta in Italia per la regia di Virginia Acqua e interpretato da ottimi attori quali Gigio AlbertiAntonio Catania, Gianluca Ramazzotti e Paola Giannetti.

Dopo due anni di preparazione e con le attività sul set cominciate già da cinque settimane e nonostante le pressioni del suocero George Mayer proprietario della Metro Goldwyn Mayer, David Selznick decide di interrompere le riprese di Va dove ti porta il vento: ritiene la sceneggiatura scritta da Sidney Howard inadatta e decide persino di licenziare il regista George Cukor, suo amico fraterno, perché insoddisfatto del suo lavoro. Qui inizia la commedia di Ron Hutchinson, che si innesta sulla realtà dei fatti.

Hollywood3

Selznick convoca nel suo ufficio lo sceneggiatore Ben Hecht, già scrittore di grandi successi tra i quali Scarface e capace di scrivere una sceneggiatura in brevissimo tempo, e il regista Victor Fleming nonostante il suo impegno nelle riprese de Il mago di Oz. Il produttore si rinchiude con loro nel suo ufficio per cinque giorni e cinque notti per scrivere la nuova sceneggiatura. C’è solo un problema: Hecht non ha mai letto il lunghissimo romanzo di Margaret Mitchell dal quale dovrebbe trarre la sceneggiatura, Selznick e Fleming dovranno mimargli personaggi e scene del libro per riuscire a portare a termine l’impresa.

Così, guidato dalla caparbia determinazione di Selznick, inizia il processo di creazione: alla creazione, alla scrittura, corrisponde la distruzione della curatissima scenografia: le parole sgorgano dalla macchina da scrivere mentre i quadri cascano dalle pareti, la carta e le pagine strappate ricoprono il pavimento della stanza, gli oggetti diventano un’arma da usarsi nei divertenti litigi; gli stessi personaggi, costretti a mangiare solo noccioline e banane, si consumano durante la permanenza nell’ufficio e la scrittura, tra gli infiniti scontri verbali e fisici e gli eleganti vestiti che si sgualciscono e vengono indossati in modo da diventare una sorta di “vestito da battaglia”, dando vita a scene esilaranti.

Hollywood4

Ma sono la passione e il sogno a guidare il processo creativo e a permettere che questo venga portato a termine, Antonio Catania che gentilmente ci ha concesso una breve chiacchierata alla fine dello spettacolo, ha sottolineato proprio come questi elementi siano fondamentali: il testo omaggia il cinema e racconta aneddoti reali nascosti dietro la realizzazione di quel capolavoro che è Via col vento, ma soprattutto mostra quella passione, quell’idealismo che porta alla realizzazione del film e che animavano il cinema di quegli anni, quasi una vicinanza tra il cinema e un sogno che ora invece, nelle produzioni contemporanee, viene a mancare.

Gianluca Ramazzotti, altrettanto disponibile, pone l’attenzione sulla scrittura del testo e su quanto sia ben scritto e elaborato. Infatti, dietro una superficie di commedia esilarante e di comicità assoluta, per altro ottimamente interpretata dagli attori energici e divertenti, si celano argomenti di grande serietà: in primis l’antisemitismo di cui è vittima David O. Selznick da parte dell’alta società americana che: «non permetterà ad un ebreo di entrare al Country Club» correlati ai preoccupanti e inquietanti echi nazifascisti che giungono sempre più pressanti dall’Europa.  Ma anche lo stesso Via col vento viene dissacrato: si discute sulla protagonista Rossella (Scarlett) O’Hara, sulla sua “complicata” figura di sudista e schiavista che in una scena del romanzo s’avvicina persino al Ku Klux Klan, si discute sulla scena dello schiaffo alla povera Prissy, si discute sul finale.

Hollywood2

Ma la caparbietà di David O. Selznick nel perseguire la propria intuizione permette la riuscita del lavoro e la realizzazione di uno dei più grandi successi della storia del cinema americano: quella trasposizione cinematografica in cui solo Selznick credeva e dalla quale ha raccolto tutti i giusti meriti.