Come arrivare preparati a… Justice League

novembre 13th, 2017 | by Luca Carotenuto
Come arrivare preparati a… Justice League
Birdmen

La storia cinematografica recente potrebbe ingannarci: uno spettatore non istruito infatti potrebbe essere tentato di credere che il film in uscita Justice League di Zack Snyder e Joss Whedon sia la risposta della Warner Bros al maxi-successo Marvel del 2012 Avengers (sempre di Whedon) e magari dal punto di vista cinematografico avrebbe anche ragione. Ma la verità è che fu la Marvel (e lo è sempre stata in tutto) sul piano fumettistico a rispondere alle iniziative della DC. Per esempio i Fantastici Quattro prima e gli Avengers poi altro non sono che la risposta di Stan Lee al primo vero super-gruppo dei fumetti: la Justice Society divenuta nel 1960 Justice League. Se volete arrivare quindi preparati alla visione del prossimo blockbuster fumettistico firmato Warner Bros ecco le mie letture consigliate per l’occasione.

DC – The New Frontier

Chiedervi di leggere le storie originali degli anni 40 e 50 di Gardner Fox potrebbe essere un po’ eccessivo, specialmente se consideriamo la difficoltà di reperibilità delle stesse, i dialoghi pomposi e ampollosi dell’epoca e la quasi monotonia delle tematiche affrontate (belliche e propagandistiche). Ma anche arrivare al film senza avere almeno un’infarinatura generale del contesto in cui i più grandi supereroi della DC hanno unito le forze sarebbe un’ingiustizia considerevole. Justice League – The New Frontier risponde proprio a questa esigenza di unire il vecchio e il nuovo senza snaturare il primo ma rendendolo appetibile per il secondo. Tra il 2003 e il 2004 il compianto Darwyn Cooke ha realizzato una miniserie capolavoro che va senza problemi ad inserirsi nel pantheon delle grandi saghe DC. Per far fronte a un nemico comune proveniente dallo spazio (come vedete la Marvel non ha inventato niente) i più grandi supereroi della terra metteranno da parte le proprie diffidenze e uniranno le loro risorse per fronteggiare la minaccia. Ma non tutto è ciò che sembra e forse non tutto ciò che viene dallo spazio è per forza una minaccia. Unendo lo stile e le ambientazioni delle storie classiche al ritmo narrativo dei grandi autori contemporanei Darwyn Cooke ha confezionato quella che forse è la più grande saga delle origini della JLA mai scritta. Nel 2008 Dave Bullock diresse una trasposizione animata molto fedele della saga dal titolo Justice League – The New Frontier che vantava doppiatori di grande importanza, una su tutti Lucy Lawless nel ruolo di Wonder Woman.

maxresdefault

JLA di Grant Morrison

Avrei potuto focalizzarmi su qualche saga in particolare (la più importante sicuramente One Million) ma la verità è che Grant Morrison è l’uomo che più di ogni altro ha ridefinito il canone contemporaneo della Justice League. Un esempio? Grazie a lui Aquaman, una volta e in parte ancora adesso il personaggio più bistrattato della casa editrice, è diventato il guerriero carismatico e dai tratti quasi scandinavi che oggigiorno Jason Momoa può interpretare. Ma non solo: Grant Morrison ha ridefinito gli equilibri tra i vari membri della formazione affidando la maggior parte degli archi narrativi ai famosi sette pilastri principali (Superman, Batman, Wonder Woman, Lanterna Verde, Martian Manhunter, Flash e Aquaman) senza per questo dimenticare i membri secondari. Ne risulta un maxi arco narrativo di tutto rispetto che può vantare i disegni di artisti del calibro di Howard Porter e Fabian Nicieza. Se non siete ancora convinti dell’importanza di questa serie vi basti sapere che la serie animata Justice League del periodo 2001-2004 ad opera di Bruce Timm e Paul Dini è sostanzialmente tutta basata sul lavoro di Morrison.

jla

Justice League Origin – The New 52

L’operazione di riavvio narrativo The New 52 del 2011 può sembrare a un occhio inesperto un’ulteriore banale opera di svecchiamento al quale prima o poi tutte le testate di supereroi devono sottoporsi. Di fatto The New 52 è molto di più: è un passaggio di testimone tra il classico modo di fare storie della DC (molto improntato alla valorizzazione del singolo personaggio) a quello nuovo che invece punta molto a una continuità di tipo marvelliano. Justice League Origin recupera un po’ del vecchio (un Aquaman ad esempio col suo costume classico) e un po’ del nuovo (Cyborg direttamente nella JLA senza passare per i Titans). La versione che vedrete al cinema risente molto di questo impianto e non è un caso dato che Geoff Johns, lo scrittore della serie, è anche l’architetto principale dell’universo DC Cinematografico. Vi piaccia o meno questa modernizzazione almeno non si discuta sulla qualità del tratto di Jim Lee. Nel 2014 la Warner Bros ha distribuito un film animato intitolato Justice League: War diretto da Jay Oliva che riprende molto fedelmente le vicende di Origin.

justice-league_H_0515.c93fe49de09b2de9701ad9ba5d47b8399ea580edf0613c4a684c9fee12dfd093._SX1280_QL80_TTD_