Halloween, Jack o’Lantern sboccia a Pavia

ottobre 30th, 2017 | by Lisa Martini
Halloween, Jack o’Lantern sboccia a Pavia
Attualità

Nella notte fra il 31 ottobre e il 1 novembre per le strade, come da tradizione, è facile imbattersi in bizzarri, a volte spaventosi, soggetti mascherati. Da Saw l’enigmista alla classica Strega con il cappello a punta, il velo delle tenebre ricopre le città, non solo americane, riportando alla luce tutti quei personaggi che appartengono al mondo dell’occulto.

Halloween, come da luogo comune, è associato alla tradizione americana sebbene le sue origini siano riconducibili alla capitale irlandese, Dubilno.

Secondo la leggenda “durante la notte di Halloween, un fabbro irlandese di nome Jack, avido ubriacone, incontrò il Diavolo in un pub. Nonostante il tranello del diavolo per impossessarsi della sua anima, egli riuscì ad imbrogliarlo facendogli credere che gli avrebbe venduto la sua anima solo dopo aver ottenuto un ultimo calice. Il Diavolo, così, si trasformò in una monetina per poter pagare l’oste e l’ubriacone fu abbastanza veloce da riuscire ad intascarsela. Jack, inoltre, era in possesso di una croce d’argento, cosicché il Diavolo non riuscì più a tornare alla sua forma originaria. Jack, allora, stipulò un nuovo patto col Diavolo, e cioè che lo avrebbe lasciato andare purché questi, per almeno 10 anni, non tornasse a reclamare la sua anima; il Diavolo accettò. Dieci anni dopo, Jack e il Diavolo si incontrarono di nuovo e Jack riuscì, per la seconda volta a sottrarsi al potere del principe delle tenebre e a fargli promettere che non lo avrebbe cercato mai più. Il Diavolo, che si trovava, ancora per una volta, in una situazione difficile non poté far altro che accettare. Quando Jack morì, a causa della sua vita dissoluta, non fu ammesso nè in Paradiso nè tantomeno all’Inferno in quanto il Diavolo aveva promesso che non lo avrebbe cercato. Jack venne rispedito indietro con tanto di un tizzone ardente, il quale gli fu utile per ritrovare la strada giusta e, affinché non si spegnesse col vento, lo mise sotto una rapa che stava mangiando. Da allora Jack vaga con il suo lumino in attesa del giorno del Giudizio“, (da qui il nome “Jack o’ Lantern“, Jack e la sua Lanterna) ed è il simbolo delle anime dannate ed errabonde. In seguito alla carestia del 1845 che colpì l’Irlanda, in molti abbandonarono il loro paese e si diressero in America, portando nel proprio bagaglio culturale questa leggenda e poiché le rape non sono in America così diffuse come in Irlanda, le sostituirono con le zucche.

Da allora, la zucca intagliata con la faccia del vecchio fabbro e il lumino all’interno è il simbolo più diffuso per ricordare questa festività.
Quindi cari studenti, non importa quali siano i vostri piani per festeggiare Halloween, fate attenzione a chi decidete di “consegnare la vostra anima”!

Sebbene Halloween capiti di martedi, e noi siamo abituati a festeggiare il nostro caro amato mercoledi univeristario non siate timidi perché Pavia offre una vasta scelta!

Ecco qui che noi di Inchiostro vi proponiamo una lista di eventi a cui potete partecipare nella notte stregata di Halloween, augurandoci che sia ricca di “tricks-or-treats”.

Boscaccio DiscoclubUniversity Halloween party by Univercity

boscaccio

Camillo DiscoclubHit mania dance Halloween Party

camillo

Spazio MusicaHalloween dark party

spazio musica

InsomniaHalloween Party

insomnia