Chi ha vinto al Festival di Locarno?

agosto 12th, 2017 | by Birdmen-online
Chi ha vinto al Festival di Locarno?
Birdmen

Ecco il palmarès del Locarno Festival 2017: a trionfare è stato il grande regista cinese Wang Bing, che, con il bellissimo Mrs. Fang, s’è aggiudicato il Pardo d’oro.

Pardo d’oro: Mrs. Fang, di Wang Bing;

Premio speciale della giuria: As boas maneiras, di Juliana Rojas e Marco Dutra;

Pardo per la miglior regia: 9 doigts, di F. J. Ossang;

Pardo per la miglior interpretazione femminile: Isabelle Huppert per Madame Hyde, di Serge Bozon;

Pardo per la miglior interpretazione maschile: Elliott Crosset Hove per VINTERBRØDRE, di Hlynur Pálmason;

Pardo d’oro “Cineasti del presente”: 3/4, di Ilian Metev;

Premio speciale della giuria, “Cineasti del presente”: Milla, di Valerie Massadian;

Premio per il miglior regista emergente: Dae-hwan Kim per Cho-haeng;

Menzioni speciali: Distant constellation, di Shevaun Mizrahi – VERÃO DANADO, di Pedro Cabeleira;

“Premio Signs of life” per il miglior film: Cocote, di Nelson Carlo De Los Santos Arias;

Premio Mantarraya (Fondación Casa Wabi): Dane Komljen per PHANTASIESÄTZE;

Menzione speciale: ERA UMA VEZ BRASÍLIA, di Adirley Queirós;

Swatch first feature Award: Sashishi deda, di Ana Urushadze;

Swatch Art Peace Hotel Award: Meteorlar, di Gürcan Keltek;

Menzione speciale: Dene wos guet geit, di Cyril Schäublin;

Pardino d’oro per il miglior cortometraggio internazionale: ANTÓNIO E CATARINA, di Cristina Hanes;

Pardino d’argento per il Concorso internazionale: Shmama, di Miki Polonski;

Locarno Nomination per l’European film Awards: JEUNES HOMMES À LA FENÊTRE, di Loukianos Moshonas;

Medien Patent Verwaltung AG Award: Kapitalistis, di Pablo Muñoz Gomez;

Pardino d’oro per il miglior cortometraggio svizzero: Rewind forward, di Justin Stoneham;

Pardino d’argento, “Swiss life” per il Concorso nazionale: 59 secondes, di Mauro Carraro;

Best Swiss newcomer Award: Les intranquilles, di Magdalena Froger;

Menzione speciale: Armageddon 2, di Corey Hughes;

Variety Piazza Grande Award: Drei zinnen, di Jan Zabeil.