#BirdmenConsiglia: L’anoressia secondo “To the bone”

luglio 17th, 2017 | by Lorenzo Filippo Giardina
#BirdmenConsiglia: L’anoressia secondo “To the bone”
Birdmen

- «250 il maiale, 350 le tagliatelle, 125 i fagioli, 150 il panino, 50… No, 75 per il burro.»;

• «È giusto, tutto quanto. Oh mio Dio, è come se avessi l’Asperger per le calorie; sei una professionista. Ok, aspetta, dimmi, quante calorie contengono le caccole? Probabilmente lo sai, non è vero?».

Le produzioni Netflix continuano a non deludere: dopo i successi di Hell or high water (di David Mackenzie; 2016) – con le sue plurime candidature, fra Oscar e Cannes –, Okja (di Joon-ho Bong; 2017) – candidato alla Palma d’oro al Festival di Cannes – ed I don’t feel at home in this world anymore (di Macon Blair; 2017) – vincitore del Gran premio della giuria al Sundance film Festival –, è approdato, il 14 luglio, sulla piattaforma statunitense, To the bone – Fino all’osso; debutto alla regia, per il “grande schermo”, della cinquantunenne americana Marti Noxon, che firma anche la sceneggiatura della pellicola. La commedia drammatica, della durata di un’ora e quarantacinque minuti, si aggiudica, sempre al Sundance film Festival 2017, la nomina per il miglior film drammatico; e quel “profumo di Sundance“, nel film, si sente, eccome.

- «Ho tutto sotto controllo, non mi capiterà niente di brutto.»;

• «Quante persone credi che ci siano laggiù, in questa città? Quasi due milioni? Scommetto che qualcuno di loro sta per morire, e ha detto la tua stesa identica cosa.».

To-The-Bone-Sundancce-2017

To the bone è un teen-movie che affronta il tema dell’anoressia, con sguardo lucido. La pellicola, forse, non riesce a raggiungere il fondo, ma scalfisce di certo la superficie, e non poco, analizzando una tematica adolescenziale che dovrebbe avere un’eco, ed un’attenzione, più ampie. L’anoressia è una malattia, non un vezzo od un semplice capriccio. Il film – rivolto ai giovani, ma non solo – coniuga i tratti tipici di un dramma a quelli di una commedia dalle componenti anche grottesche ed ironiche. Una ritmica quasi perfetta, che si prende il giusto tempo, affiancata ad un utilizzo clinico e parsimonioso delle colonne sonore, scandisce la narrazione, mostrandoci la storia della ventenne Ellen (n.d.r.: più che buona la prova attoriale, anche letteralmente fisica, della giovane Lily Collins), fra il ricovero in una clinica molto particolare – gestita dal non convenzionale Dr. William Beckham (Keanu Reeves) –, le sue relazioni amicali, e non solo, ed il rapporto con se stessa, il proprio corpo e la sua famiglia (non proprio ortodossa). Marti Noxon – la “neo-regista”, nonché sceneggiatrice di lungo corso –, è stata bravissima, sequenza dopo sequenza, a tenere costantemente in equilibro e misurata la carica emotiva della pellicola, servendosene oculatamente. La provvidenziale mancanza dell’eccesso di “fronzoli melensi dalla lacrima facile” e patetismi, purtroppo endemico nel cinema di genere, è uno degli aspetti migliori di questo film americano; punto di forza imprescindibile per trattare seriamente una tematica di questa delicatezza.

To the bone è un teen-movie che vuol esser qualcosa in più: ne ha l’evidente pretesa, ed anche la capacità. Insomma, se ancora non avete un account Netflix, che aspettate a farlo? To the bone è “solo” una delle molteplici, ottime ragioni per il quale non dovreste attendere oltre.

«Il tuo coraggio era un pezzetto di carbone, che continuavi ad inghiottire.».

Per guardare il trailer, clicca qui.

ttb_1_-_publicity_-_h_2017