Erasmus #5- Non un addio, ma un arrivederci

marzo 13th, 2017 | by Dimitria Interlici
Erasmus #5- Non un addio, ma un arrivederci
Erasmus

Ciao a tutti,

È incredibile quanto il tempo voli in fretta, il mio Erasmus è finito e non ci posso credere.

Nelle ultime settimane, per concludere in bellezza, ho fatto due viaggi, a Firenze e Verona.
A Firenze sono andata con due amiche spagnole. Con l’ostello che si trova nella zona di Santo Spirito, siamo state fortunate. Di fronte c’è un panificio che vende prodotti buonissimi. Poi c’è un ristorante dove hanno un menù a base di verdure di stagione. Per questo lo cambiano ogni due mesi. La cameriera ci ha spiegato che hanno una fattoria dove producono tutti i prodotti, quindi è tutto a chilometro zero. Fanno anche l’olio e il vino. Il cibo è veramente buonissimo.
Firenze, anzi, come città è bellissima! Il ponte vecchio, il Duomo, tutte le chiese e gli edifici antichi. Però gli Uffizi sono davvero impressionanti. Mi è piaciuta soprattutto la “Nascita di Venere” di Botticelli. Da Firenze abbiamo fatto una gita a Lucca che è molto carina con tutti i suoi vicoli, la piazza dell’anfiteatro e la torre. Il panorama sulla torre è anch’esso molto bello.
Però devo ammettere che Verona mi è piaciuta di più. Ha tutta una magia sua! La piazza delle erbe è una delle piazze più belle che abbia mai visto. Ma ho adorato anche l’arena e gli altri posti come la basilica di San Zeno. Soprattutto la chiesa ipogea è meravigliosa!

Tornata a Pavia mi sono goduta gli ultimi giorni con i miei amici. Ogni sera abbiamo fatto un aperitivo o siamo usciti per mangiare fuori una pizza buona. Anche l’Italia, lo stile di vita italiano, il cibo, la lingua – mi mancheranno. Però non è un addio, è un arrivederci. Quando parto dall’Italia sento sempre una certa malinconia. Mentre quando sono in Italia mi manca sempre qualcosa di tedesco, quando sono in Germania è tutto al contrario. Forse questa situazione è normale per le persone che hanno origini in diversi paesi.

Il mio Erasmus è stata un’esperienza bellissima. Certo, ci sono stati giorni brutti con nostalgia di casa, giorni in cui l’organizzazione dell’università mi stressava particolarmente, però lo farei subito un’altra volta, anche a Pavia! Ho migliorato le mie conoscenze linguistiche, ho fatto tante amicizie, ho imparato tanto di me stessa e di che cosa aspetto della vita. Tra l’altro mi è piaciuta la compagnia multiculturale. Ho imparato anche tanto su altri paesi e culture. Sono veramente grata per quest’esperienza. E’ grazie all’UE che questo programma esiste e permette ogni anno a migliaia di studenti di conoscere un altro paese con la sua lingua, cultura e la gente. Se avete la possibilità di fare un Erasmus, fatelo!

Visto che questo è il mio ultimo articolo, vi auguro ogni bene!
Tanti saluti

Dimitria